Facebook acquisisce Oculus. La realtà virtuale entra nel mondo dei social network.

In questo blog già a Gennaio vi abbiamo parlato di Oculus VR, presentandolo come una delle tecnologie che avrebbero potuto caratterizzare il 2014.

Ieri Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook, ha annunciato l’acquisizione della compagnia specializzata in realtà virtuale. Al momento Oculus è utilizzato principalmente per il gioco in 3D ma Zuckerberg ha già annunciato di voler lavorare su altre possibilità offerte dalla realtà aumentata.

After games, we’re going to make Oculus a platform for many other experiences. Imagine enjoying a court side seat at a game, studying in a classroom of students and teachers all over the world or consulting with a doctor face-to-face — just by putting on goggles in your home.

This is really a new communication platform. By feeling truly present, you can share unbounded spaces and experiences with the people in your life. Imagine sharing not just moments with your friends online, but entire experiences and adventures.

Dalle parole del CEO di Facebook appare evidente la volontà di utilizzare Oculus come un piattaforma su cui sperimentare nuove forme di esperienza per i suoi utenti. Dall’istruzione alla medicina fino a nuove forme di comunicazione per condividere con i propri amici non solo pensieri o immagini ma vere e proprie esperienze in tutti loro aspetti.

Oculus è stato acquisito per una cifra complessiva vicina ai 2 miliardi di dollari: 400 milioni cash e 23.1 milioni di azioni ordinarie di Facebook. L’accordo prevede anche ulteriori 300 milioni di dollari in base al raggiungimento di determinati obiettivi.

Nella sezione Investor Relations di Facebook è possibile ascoltare il webcast in cui vengono spiegati tutti i dettagli dell’acquisizione. Mentre per un approfondimento un po’ più ironico consigliamo il tumblr White Guys Wearin’ Oculus Rifts che tra ironia e serietà mostra stralci di un futuro sempre più prossimo.

 

Facebook acquisisce Oculus. La realtà virtuale entra nel mondo dei social network.
Vota l\'articolo grazie

Leave a Reply